Atelier n. 18

Domenica

L’ultimo giorno della settimana è il tempo di fermarci, di restare, di tornare. La nostra sacralità è fatta di una tavola imbandita e di un rito di chiacchiere senza fine. Lontano da casa le settimane passano senza domeniche.

Attorno alla tavola rotonda ci siamo tutti, ma non siamo abbastanza. A questo cerchio mancano gli angoli per un capotavola, e nonostante la sveglia a mattinata inoltrata, il ragù, e la telecronaca delle partite in sottofondo non sembra neanche domenica.

Ma il pacchetto dei dolci smentisce il mio pensiero. Addento una pasta di mandorle, le tue preferite, che poi sono diventate anche le mie. Assaporo, sorrido e ricordo. Le mandorle non sono mai state così amare. Ma nonostante tutto, anche senza capotavola, è ancora domenica.


Utenti connessi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 23 febbraio 2014 alle 11:44. È archiviata in Miscellanea, Riflessioni d'Atelier con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: